Pachamana: manifesto per la Madre Terra, il documentario di Torelli

Pachamana: manifesto per la Madre Terra è un documentario di Thomas Torelli, celebre regista che ci ha regalato un nuovo lavoro intenso e ricco di spunti di riflessione dopo Food ReLOVutionPachamana nasce dal materiale inedito realizzato per il documentario Un altro mondo e, quindi, si avvale delle stesse personalità che però hanno rilasciato considerazioni diverse ma ugualmente illuminanti sulla Terra, partendo dalla cultura dei nativi d’America che si differenzia dal sistema oggi dominante, intorno al quale ruota tutto l’Occidente, il quale sta esportando la propria visione della vita anche in Oriente con grandi ripercussioni sul nostro pianeta. L’Uomo occidentale, oltre ad essersi allontanato dalla natura, pensa di essere al centro del creato quando invece è solo un anello, nemmeno importante, perché se la Terra decidesse di fare a meno di noi niente e nessuno potrebbe fermarla. I nativi al contrario avevano un grande rispetto per la creazione. Vedevano in ogni cosa, dalle pietre all’essere umano, la presenza del Grande Spirito, verso il quale nutrivano un profondo rispetto. Inoltre, per ogni nativo il prossimo era lo specchio di sé perché, secondo questo antico popolo, era nell’altro che si poteva scorgere il proprio riflesso. 




La forma mentis degli Indiani d'America per fortuna continua a vivere nei discendenti nonostante gli eccidi perpetuati nel corso dei secoli. Queste persone proteggono la loro terra dalla nostra sete di potere. Basti pensare che in un mondo, dove vige il consumismo, nemmeno i contadini sono più liberi di produrre le loro sementi perché devono acquistare i semi dalle multinazionali con la conseguenza che tutto ha un prezzo. In Pachamana: manifesto per la Madre Terra si riflette inoltre sul Tempo, partendo dalla matematica (molto più precisa della nostra) degli antichi Maya, grandi osservatori dell’Universo, per i quali il tempo, come tutte le cose, era ciclico: per questa popolazione tutto tornava alla Terra per poi rinascere ancora in un circolo perenne. 

Insomma il documentario di Thomas Torelli mi ha favorevolmente impressionata sia per la profondità degli interventi degli esperti (Coyote Alberto Ruz Buenfil, Enzo Braschi, Antonio Giacchetti, Vittorio Marchi, Don Luis Nah, Westin Luke Penuma e Igor Sibaldi) sia per la capacità del regista di essere sempre sul pezzo perché - mai come in questo momento - c’è bisogno di divulgare concetti poco conosciuti per far comprendere che non solo è possibile vivere in modo più ecosostenibile ma è soprattutto indispensabile per tutta l’umanità, oltre che doveroso. Si tratta di un atto di grande responsabilità! Pachamana è stato ideato con l’intento di supportare la campagna di Alberto Ruz Buenfil per la creazione di una carta dei diritti di Madre Terra. Di seguito il trailer. 

Commenti

Post più popolari