Rigenerati con i Fiori di Zucca: consigli e ricetta

I Fiori di Zucca maturano d’estate e la loro simbologia è molto forte. Un fiore di Zucca – come si legge nel libro Il ruolo terapeutico degli alimenti di Fausto Aufiero e Michele Pentassuglia – porta con sé un messaggio energetico qualitativo. Infatti, è l’ultimo segnale di vita che il vegetale crea prima di morire per riprodursi, essendo il frutto e il conseguente seme, già l’inizio di un nuovo ciclo.

Quando raccogliamo i Fiori di zucca, dobbiamo pensare al nostro ciclo vitale. Tutto in noi muore e rinasce costantemente, in un circolo unico e misterioso che non si completa con la morte. E non mi riferisco all’aspetto religioso. Ciascuno di noi può avere un proprio credo ma è innegabile che sul nostro Pianeta ogni cosa si rigenera.

I Fiori di zucca, come i cavolfiori e i broccoli, contengono un messaggio informativo proiettato verso il futuro (cito ancora il libro sopra menzionato). Hanno diverse proprietà per il loro contenuto di Vitamine A e C, di zinco e selenio. Contengono inoltre calcio, iodio e ferro. Stimolano il metabolismo. Io mi soffermo ancora sul significato simbolico dei Fiori di Zucca. Accarezzateli, annusateli, fateli vostri. Ad agosto continuano a fiorire. Questo mese è molto particolare perché adesso la Natura contempla se stessa in vista della chiusura autunnale. E` il mese del riposo e della rigenerazione.


Dal punto di vista culinario, ci sono diverse preparazioni con i Fiori di Zucca. Si possono cucinare in pastella, per esempio. C’è, però, l’imbarazzo della scelta. Io vi propongo una ricetta semplice.

Penne integrali con #zucchine e fiori di zucca
Ricetta per due persone
120 grammi di penne integrali di buona qualità (a breve un articolo su come leggere le etichette)
2 zucchine medie 
2 cucchiai di olio evo
mezza cipolla
Taglia le zucchine a mezza luna. Metti l'olio nella padella e, quando è bollente, aggiungi la cipolla tritata, facendola rosolare e soprattutto prestando attenzione a non bruciarla. 
Aggiungi le zucchine e falle cuocere.
Nel frattempo se l'acqua è arrivata a bollore cala la pasta.
Quando la pasta è al dente (non deve essere scotta, mi raccomando, altrimenti risulta poco digeribile) scolala e mettila nel condimento. Accendi la fiamma e aggiungi i fiori (precedentemente lavati e tagliati a listarelle) facendo cuocere ancora per qualche minuto e mantecando. 


Metti l'acqua con un po' di sale in una pentola. 
Quando i fiori si sono appassiti, puoi impiattare. A scelta puoi aggiungere del Parmigiano reggiano e il prezzemolo tritato. Questo piatto fa bene al corpo e all'anima con le tonalità del verde...