Ecco come si riconosce un buon pane integrale

Come si riconosce un buon pane integrale? Prima di rispondere a questa domanda, occorre che io faccia una premessa. Avevo intenzione di scrivere quest’articolo da un po’ di tempo proprio perché le voci sull’argomento, che sto per trattare, sono discordanti confondendo così l’acquirente e in particolare tutte quelle persone che vorrebbero alimentarsi correttamente. L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di consumare cereali integrali e, quando si parla o si scrive di cereali, non ci si riferisce a quei prodotti che si trovano al supermercato e che si mangiano a colazione o a merenda bensì al chicco integro (preferite sempre i cereali decorticati a quelli perlati). Oggi, però, scriverò degli alimenti realizzati con farina integrale (si ottiene dalla macinatura del chicco integro, appunto - clicca sul link in basso per leggere il mio articolo sul grano) e nello specifico del pane. 

E allora come si riconosce un buon pane integrale? La legge italiana permette di usare farina raffinata, alla quale si aggiunge un po’ di crusca. Questo tipo di alimento non è sano e, quindi, se non riuscite a trovare in commercio il vero pane integrale, cioè impastato solo con farina integrale di grano tenero (se macinata a pietra è ancora meglio) o di semola di grano duro (sempre integrale), acquistate (se non riuscite a rinunciarvi) un pane realizzato soltanto con la farina 0 o la 00, mangiandone una sola fetta, non più di 100 grammi suddivisi tra pranzo e cena  e se non si assumono nello stesso pasto patate, pasta, riso e altri cereali perché l’abuso favorirebbe le cosiddette malattie del benessere, come il diabete, l'ipercolesterolemia, l'ipertensione e addirittura alcune forme di cancro (guarda il video in basso).



Tornando alla domanda iniziale, cioè come si riconosce il vero pane integrale? La risposta è semplice: leggendo le etichette. Un buon pane integrale deve essere fatto con Lievito Madre (chiamata anche Pasta Acida) sale, acqua e farina integrale di grano tenero o farina integrale di grano duro. Non ci deve essere nessun’altro ingrediente; se c’è scritto Farina 0 (o Farina 00) + Farina Integrale (o crusca) quello che state per acquistare è un prodotto poco sano! Se poi trovate in commercio il vero pane integrale, ricordatevi comunque di non abusare perché, nonostante la farina ottenuta dal chicco integro abbia molte proprietà, potrebbe nei soggetti predisposti irritare la mucosa intestinale. Io sono del parere che si deve introdurre questo tipo di alimento gradualmente. Tuttavia basta assumere 50/80 grammi di pane integrale per pasto e solo se non assumete altri carboidrati complessi come patate, pasta e cereali integrali in chicco (farro, riso, miglio, amaranto…). Ricordatevi che il miglior rimedio è la moderazione! L'abuso di qualsiasi genere indebolisce il corpo e lo spirito rendendoci insicuri, perché mente e corpo sono una sola cosa: il soma si esprime mediante la psiche e viceversa. 

PER APPROFONDIRE


Commenti

Post più popolari